Locazione commerciale 

Locazione commerciale 

Quando si parla di contratto di locazione commerciale ci si riferisce ad un contratto che viene firmato tra il proprietario di un immobile destinato ad uso commerciale e chi ne richiede l’affitto.

A partire del 2019 anche questo tipo di contratti possono beneficiare del regime fiscale agevolato della cedolare secca anche questo tipo di contratti con aliquota fissata al 21%.

Oltre a questo, si deve però sottolineare che il contratto in questione non è sottoposto a canoni concordati.

Ciò significa che chi possiede l’immobile può stabilire liberamente il prezzo di affitto.

Locazione commerciale: le caratteristiche

La locazione commerciale è regolata dalla legge 392/1978, che stabilisce che il locatore può stabilire liberamente il prezzo dell’immobile.

La durata del contratto è di 6 anni, anche se si può arrivare a 9, nel caso di immobili destinati allo svolgimento di attività alberghiere oppure a quelle relative all’ambito teatrale.

La scadenza del contratto

Alla scadenza del contratto quest’ultimo in automatico si può rinnovare alle medesime condizioni dell’anno precedente.

Il proprietario tuttavia può comunicare indicazioni differenti entro 12 mesi o 18 mesi prima della scadenza.

Normalmente il conduttore può recedere dal contratto dando un preavviso al proprietario dell’immobile.

Viceversa il proprietario può richiedere la restituzione dell’immobile solo alla scadenza del contratto.

In caso contrario, per ogni comunicazione, si dovrà inviare una lettera a mezzo raccomandata alla controparte contrattuale.

Sfratto e locazione commerciale

In caso di sfratto per morosità il contratto di locazione commerciale presenta delle peculiarità rispetto all’abitativo.

In entrami i casi l’atto che da avvio alla procedura di sfratto per morosità è una citazione con contestuale intimazione di sfratto.

Nel corso della procedura di sfratto per morosità il conduttore non può richiedere il termine di grazia.

Con riferimento all’esecuzione dell’ordinanza di rilascio il contratto di locazione commerciale non presenta particolari peculiarità.

Anche in questo caso infatti sarà necessaria la notifica del precetto per rilascio e del preavviso di rilascio.

Successivamente alla notifica di tale atti l’ufficiale giudiziario effettuerà una serie di accessi fino all’effettiva liberazione dell’immobile.

In ambito commerciale generalmente è necessario un numero di accessi inferiore rispetto all’ambito abitativo in quanto l’ufficiale giudiziario non deve confrontarsi con i problemi abitativi di soggetti minori, invalidi o malati.

Il recupero del credito

In ambito commerciale il recupero dei canoni non pagati è più complesso rispetto all’abitativo.

La causa della maggiore difficoltà è dovuta alla circostanza che in ambito commerciale molto spesso sono coinvolte società che nella maggior parte dei casi hanno problemi di solvibilità e sottocapitalizzazione.